fbpx

L’inizio dell’anno, fra incertezza e voglia di ripartire.

L’inizio dell’anno è sempre un periodo di grande confusione, un momento in cui si riflette spesso su quello che è stato e su quello che sarà, soprattutto ora, che siamo pieni di buoni propositi e di voglia di ripresa ma viviamo costantemente nell’incertezza. 

Ora è il momento di agire, di rispolverare la grinta che abbiamo tirato fuori davanti alle difficoltà e provare a intravedere, anche con il binocolo, la luce in fondo al tunnel.

Occorre creare un piano per capire come muoversi in questo anno appena iniziato, che tutti ci auguriamo possa portare grande cambiamenti.

Quali saranno quindi le tendenze del 2021?

Se pensiamo ai cambiamenti che l’anno appena trascorso ci ha costretto ad affrontare, abbiamo pronta la risposta.

Molto probabilmente ci sarà un incremento dell’e-commerce, una soluzione che gran parte della popolazione ha sperimentato per ovvie ragioni nel 2020 e che si è rivelata vincente non solo per tutte le attività di ristorazione, ma molto comoda anche per i clienti.

I menù digitali, le offerte, le prenotazioni on line e i conseguenti pagamenti attraverso carta bancomat hanno trovato l’approvazione dei consumatori e quindi, anche usciti dalla pandemia, si spera il più presto possibile, questa pratica non verrà certamente abbandonata.

I social media, le strategie di comunicazione, la grafica (ricordiamoci sempre che anche l’occhio vuole la sua parte) del proprio sito o della propria pagina web,  e non ultima, la costante formazione sul mondo della comunicazione digitale, saranno aspetti fondamentali per la sopravvivenza della propria attività.

Tutti speriamo di tornare presto fuori di casa e di conseguenza anche mangiare fuori, una volta che le restrizioni verranno allentate e la stagione lo permetterà, è presumibile che ci sia un’impennata dello street food e del consumo di cibo fuori casa, specialmente nell’ora di pranzo, una possibilità che solo un anno e mezzo fa ci sembrava scontata e che oggi invece sembra essere il primo gradino da scalare nella rampa che ci separa dal ritorno alla normalità.

Un altro punto da affrontare e che sarà fondamentale nel 2021 è legato all’ambiente.

Nel 2020 sono nate tantissime start up per evitare lo spreco di cibo e per fare in modo di poter riutilizzare i prodotti che vengono scartati. Nel 2021, tutte queste soluzioni non rimarranno un’opzione, ma probabilmente saranno la norma, così da poter limitare al massimo l’impatto del consumo di plastica e di altri materiali sull’ambiente, favorendo così la sostenibilità.

Oggi bisogna ragionare e guardare le cose da diverse prospettive se si vuole stare al passo con i tempi, anche se nell’anno appena trascorso tutto ci è sembrato bloccato o addirittura sospeso.

Non bisogna abbandonare le abitudini che ormai quest’anno si sono consolidate, ma  far tesoro di quello che si è imparato, cercando di non ragionare a compartimenti stagni e provare ad avere una visione delle cose più ampia, sviluppando abilità che ci possano tenere a galla.

Le angosce e le paure sono sempre in agguato, siamo stanchi e provati da una pandemia che ha logorato le nostre menti e le nostre possibilità, ma sono proprio questi i momenti in cui non bisogna mollare, sono proprio questi i momenti in cui si combatte di più, spinti dal desiderio di cambiamento.

Lascia un commento

whatsapp chat icon